13. Foppabona

Lecco

Descrizione

La Foresta Regionale si estende per 185,5 Ha sui due versanti della catena orobica lecchese, verso la Valsassina (LC) e la Valtorta (BG). L’ambiente è tipicamente alpino limitato da vette oltre i duemila metri: Zuc di Cam (2.195 m.), Bocchetta di Valbrona (2046 m.) e M. Foppabona (2039 m.); disegnato da praterie e boschi che si estendono su versanti ripidi e nei profondi valloni sino a scendere alla quota di 1.350m nella Valle di Foppabona.

L’unica piccola porzione boscata, nella parte inferiore (m 1.400 - 1.600) comprende un lembo di lariceto aperto, classificato come fustaia di protezione, al di sopra della quale si hanno estesi arbusteti a Rododendro e Ontano verde. Manca una viabilità adeguata che colleghi l’alpeggio, costringendo l’escursionista o gli alpeggiatori a ore di marcia per raggiungerlo. Tale decentramento rende quindi sempre meno conveniente il suo utilizzo per le attività agro-pastorali di montagna.

L’unico percorso escursionistico di rilievo corre lungo lo spartiacque: è la Dorsale Orobica Lecchese Alta via delle Orobie Occidentali (sentiero 101), che tuttavia lambisce la proprietà demaniale a monte del fabbricato e dell’alpeggio. L’importanza dell’alpeggio risiede ancora oggi nella sorgente le cui acque pregiate sono captate dalla Società Norda di Primaluna (LC), concessionaria per il loro sfruttamento. La zona tuttavia possiede un grande interesse faunistico per la presenza di esemplari di camoscio, stambecco, marmotta, coturnice e gallo forcello.

Accesso

La Foresta Regionale può essere raggiunta sia dai Piani di Bobbio (funivia) lungo il sent. 101 (consigliato d'estate) sia da Introbio lungo la Val Biandino, seguendo le indicazioni per il Rifugio Grassi (h. 3.30 circa). Dal Rifugio, proseguendo in direzione dei Piani di Bobbio, in poco più di 20 min si raggiunge l'alpeggio di Foppabona.


Informazioni

ERSAF – Lecco – tel. 02.67404.451 – lecco@ersaf.lombardia.it

go to top