Al nastro di partenza il progetto di restocking di marmotte

Con la Provincia di Sondrio, il Comprensorio Alpino Alta Valtellina e il Comune di Livigno

Al nastro di partenza il progetto di restocking di marmotte (rafforzamento delle popolazioni esistenti) nella Foresta Regionale Gardesana Occ.le nel territorio del Parco Alto Garda con il rilascio di 36 individui, in collaborazione con la Provincia di Sondrio, il Comprensorio Alpino Alta Valtellina e il Comune di Livigno.

Il progetto, coordinato e gestito dalla sede ERSAF di Gargnano, si qualifica come intervento diretto a ricostituire e consolidare, in questo comprensorio montano, un importante elemento della catena trofica dei consumatori di vertice e di favorire la presenza stabile della marmotta nelle aree più idonee dell’Alto Garda, in particolare nella Foresta Regionale.

La marmotta è specie ad elevata socialità e di grande empatia, anche quale veicolo esperienziale diretto a vantaggio delle attività di sensibilizzazione e informazione attuate sui temi di conservazione delle risorse naturali, oltre agli indubbi benefici rispetto alla delicata ecologia del sistema alpino dell’area

È un animale sociale e gregario, vive in famiglie che arrivano fino ad una decina di individui, predilige le praterie alpine sassose, le esposizioni solive e altitudini superiori ai 1400 metri.

Il progetto ha l’obiettivo di incrementare la popolazione già presente, esigua a causa di predazioni e di inverni particolarmente scarsi di manto nevoso in grado di fornire un’adeguata coibentazione del terreno.

Il progetto continuerà già a partire dalla prossima settimana con i monitoraggi con la verifica del successo e dell'eventuale dispersione degli individui in altre zone.

Foto di Daniele Bruno Levratti - Archivio fotografico ERSAF

go to top