Salta al contenuto principale

L'VIII Giornata di Studi in ricordo della Dott.ssa Lisa Garbellini e il Premio ERSAF

Il premio ERSAF a due brillanti studenti che hanno saputo valorizzare la Valtellina

Si è svolta on line, il 16 dicembre 2020, in collegamento dalla Sala consiliare di Sondrio, l'VIII Giornata di Studi in ricordo della Dott.ssa Lisa Garbellini, giovane ricercatrice di ERSAF prematuramente scomparsa. Un appuntamento questo che, da otto anni, coinvolge e avvicina numerosi enti del territorio valtellinese, coordinati dall'Osservatorio sulla Valtellina. 
Il tema scelto per quest'edizione, davvero molto partecipata, è l'educazione civica, vista in tutti i suoi aspetti. Un tema che ERSAF, da sempre, riesce a rendere in maniera concreta grazie alla collaborazione con diversi istituti superiori ed università, come ha ricordato il Vice-presidente Fabio Losio nei saluti.
Il dirigente Antonio Tagliaferri ha, poi, spiegato, in dettaglio, l'educazione civica e le sue declinazioni sul territorio portando anche il caso della recente esperienza con i ragazzi dell'Enaip di Morbegno. Il punto di vista dei ragazzi che hanno partecipato all'esperienza formativa con ERSAF è stato poi raccontato dal Direttore di Enaip, Giovanni Colombo, anche attraverso la voce di Daniel, uno degli studenti del corso che ha seguito questo percorso educativo.

Per ricordare Lisa, quest'anno, ERSAF, in collaborazione con la Comunità Montana Valtellina di Sondrio, ha contribuito anche all'allestimento di un'area di sosta sul Sentiero Valtellina, all'altezza di Fusine (SO), realizzando una fontana con tronchi provenienti dalla Foresta Regionale certificata Val Gerola (SO) e mettendo a dimora un albero (un bagolaro) in suo ricordo. Non potendo inaugurare questo spazio, seppur aperto, come speravamo, a causa delle restrizioni previste dal Covid, abbiamo pensato di realizzare un video da condividere con i partecipanti e la famiglia.

ERSAF assegna ogni anno anche due premi a giovani laureati o laureandi autori di una tesi che contribuisca a migliorare la conoscenza del territorio della provincia di Sondrio e delle sue caratteristiche, nel nome della collega ERSAF Lisa, appassionata di montagna e di sport e grande amante proprio del territorio della Valtellina e della Valchiavenna e delle sue bellezze.

Quest'anno, i premi, consegnati "virtualmente" dal Vice-presidente ERSAF Fabio Losio, sono stati assegnati a:

- Stefano Sivieri che vince il Primo premio ERSAF con una tesi dal titolo "Confronto tra metodi di stima dell’abbondanza di una popolazione di marmotta (Marmota marmota) nel parco nazionale dello Stelvio". Università dell’Insubria; Laurea magistrale in Scienze ambientali.

Giudizio espresso dalla commissione: L’elaborato di tesi sviluppa la problematica della stima di abbondanza delle popolazioni animali attraverso l’utilizzo di un approccio metodologico all’avanguardia, indicando nuove soluzioni per il suo utilizzo in ambito gestionale. Particolarmente apprezzabile risulta la comparazione in termini di costi-benefici di tale approccio con altre strategie gestionali attualmente esistenti. l’argomento di tesi risulta essere altamente rilevante non solo in ambito locale, ma in ambito internazionale.

- Emma Barlassina che vince il Secondo premio ERSAF con una tesi dal titolo: "Il turismo enogastronomico come fonte di sviluppo economico e turistico: il caso della Valtellina". Università Milano Bicocca, Laurea triennale in Scienze del Turismo e Comunità Locale

Giudizio espresso dalla commissione: Tesi ben strutturata dal punto di vista metodologico e scientifico, con ottima bibliografia, fondamenti di analisi del settore turistico e comparazioni. Rimane un po’ fragile nell’affrontare il tema, in particolare rispetto ad approfondimenti specifici sugli aspetti di maggior interesse attuale nelle sfaccettature del turismo, senza esplicitare possibili valutazioni critiche del contesto valtellinese (Slow food, visioni differenti dell’enogastronomico, progetti di valorizzazione Alpfoodway, candidatura a patrimonio Unesco della produzione alimentare delle Alpi). Tuttavia risulta una tesi ricca e completa, esplicita un grande amore per il territorio valtellinese e un auspicio di miglioramento nello sviluppo del settore, di cui, pur essendo una tesi triennale, fornisce numerosi spunti di analisi del fenomeno turismo enogastronomico e un interessante benchmark con un’altra area alpina. Un buon lavoro per proseguire in futuro in approfondimenti sull’analisi e nelle proposte di sviluppo per la Valtellina.

I complimenti di ERSAF ad entrambi i candidati premiati e a tutti i partecipanti al concorso sono stati formulati dal Vice-presidente Losio che ha ricordato l'alto livello delle tesi presentate nel 2020.

Chi lo avesse perso, o lo volesse rivedere, può cliccare qui.

Ultimo aggiornamento: 21 dic 2020

go to top